20190704_170629

Fano, 5 giugno 2019

 

Ieri sera, anche se non ero presente al Concerto gospel dedicato ad Athos Salucci, ero lì con il CUORE e il PENSIERO e sono sicuro che i miei compagni, anzi tutta la scuola, hanno dato tutto quello che potevano, ma la persona che si è sacrificata di più per realizzare questo CONCERTO è stata la maestra M. Stella ( la mia maestra  di matematica e scienze). Ma anche tutte le alte maestre della scuola Gentile si sono sacrificate e io sono grato a tutte loro per aver realizzato questo meraviglioso CONCERTO.     Davide Angeli

 

All’inizio io ero calma perché avevamo fatto tante prove e altro e mentre la preside parlava noi eravamo pronti per  salire sui gradoni  mi sono ricordata cosa ci aveva detto la maestra Stella “State attenti a non inciampare nei microfoni!” allora mi è venuta la paura di inciampare…   Ma cantando mi sono calmata e ho visto  che tutti i bambini stavano cantando proprio come me e non giocavano, non si giravano, non si sedevano.   E così finito  il Concerto sono andata a casa stanchissima ma non solo,  anche fiera di ME.     Carlotta Antilli

 

Prima di cominciare il concerto avevo l’ansia, (io quando ho l’ansia sento un male nella pancia, come un buco nero),  sapendo che il concerto era per Athos, il mio preside dall’asilo, ero felice e da una parte  triste perché sapevo che LUI era …, poi quando  abbiamo iniziato mi sentivo  felice perché sapevo che LUI dal cielo ci guardava pieno di gioia.  Finito il concerto ero soddisfatta di quello che avevamo fatto,  di notte, durante il sonno, ho sognato tutte le canzoni.    Maia Bartolucci

 

Ieri sera all’inizio mi sentivo in ansia perché c’erano circa  2000 persone con gli occhi  fissati su di noi. Appena ho iniziato a cantare il primo brano ho pensato che era per il nostro preside Athos Salucci, perciò ci ho messo tutto l’AMORE che avevo dentro. Mi veniva da piangere quando ho cantato My life is in your hands.  La felicità mi è uscita nell’ultima canzone  perché Pozzetto ci ha fatti andare tra il  pubblico, così potevamo  ballare con i nostri genitori, parenti, zii e nonni.    Alessandro Berardi

 

Ieri sera abbiamo dedicato il Concerto  ad Athos Salucci, al Rastatt.  Prima di iniziare ( mentre una maestra ci presentava), io sudavo, parlavo molto, ero felicissima e mi sentivo qualche crampo. Quando salivo sugli scalini ero agitatissima, ma dopo,  mentre cantavo ero solo felice e cantavo con energia e amore.  Alla fine ero molto stanca, però qualcosa non mi bastava…sì mancava la canzone Every prais,  poi l’abbiamo cantata ed ero gioiosa, piena di energia e piena di… FELICITÀ.      Elisabetta Biondolillo

 

Ieri sera abbiamo fatto il Concerto al Rastatt, dedicato ad Athos Salucci.  All’inizio,  quando eravamo pronti per entrare  avevo un po’ di paura di sbagliare i brani, ma appena abbiamo iniziato a cantare MY LIFE IS IN YOUR HANDS  mi è passata la paura di sbagliare ed ero molto felice di cantare.  Alla fine ero molto soddisfatto di quello che  avevo fatto.    Lorenzo Carbonari

 

Ieri sera, quando ancora dovevamo iniziare,  avevo paura che qualcosa andasse storto durante le canzoni, chiacchieravo…, però dopo ho pensato solo a cantare perché sapevo che  il Concerto era dedicato al  preside Athos Salucci. La mia canzone preferita è stata MY LIFE IS IN YOUR HANDS  perché era molto commovente, mi è piaciuto anche quando abbiamo cantato Coumbayà.                  Lavinia Cibistioni

 

Ieri sera, durante il Concerto dedicato al nostro preside Athos Salucci,  ho provato una sensazione di ansia perché tutto il pubblico ci guardava e a me  non piacciono tutti gli occhi addosso.  C’era anche il  Coro gospel dove canta la nostra maestra M. Stella che mi faceva ancora più  ansia perché avevamo più occhi addosso, poi abbiamo cominciato a cantare e non ho avuto più ansia perché il direttore,  Alessandro Pozzetto, ci ha fatto ridere e mi ha fatto ridere anche la mia sorellina che non faceva che ballare e cantare e ci applaudiva. Alla fine delle canzoni la nuova preside ha cominciato a parlare del preside Athos che non c’è più ed è stato commovente.    Sofia Falcioni

 

Ieri mentre stavamo per entrare al Rastatt   a cantare avevo molta ansia di non riuscire a stare concentrata mentre cantavamo, essendoci molta gente che ci guardava.  Però quando siamo entrati mi sono calmata e ho dato il massimo.    Mara Fefè

 

Ieri sera prima di cantare avevo paura che nel teatro Rastatt non ci saremmo stati tutti, ma  dopo ho visto che  ci siamo stati tutti. Quando abbiamo iniziato a cantare avevo un po’ d’ansia, ma subito  mi è passata.  Dopo , quando Pozzetto ci ha detto di andare tra il  pubblico, io non riuscivo a  vedere i miei genitori ma poi li ho trovati!  Mi è piaciuto molto quando noi bambini abbiamo saltato e siamo “caduti”.    Michele Fiorani

 

Io ieri sera , prima di salire  sui gradoni del Rastatt, ero in ansia perché pensavo di rimanere indietro quando cantavo, poi avevo  anche paura che tra un canto e l’altro non  stavamo in silenzio… ma quando abbiamo iniziato a cantare ho visto che stava andando tutto bene e in quel momento ho sentito gioia, allegria, felicità, emozione e TANTO,TANTO, TANTO DIVERTIMENTO!!!                            Sara Fraternali

 

A me è piaciuto quando i genitori e le altre persone si sono messe a saltare, a cantare e a ballare  con noi.   Kristian Luongo

 

Prima di cominciare il Concerto ho provato un po’ di paura, agitazione e timore, ma dopo, quando abbiamo  incominciato a cantare è andato tutto bene. E alla fine mi sono sentito con un peso in meno, rilassato e divertito.    Gianandrea Mellarini

 

Ieri sera prima di iniziare il Concerto per il nostro preside  Athos Salucci mi sentivo tranquillo, però quando sono salito sui gradoni mi sentivo in ansia a vedere tutta quella gente e pensavo che qualcuno  inciampava nei fili elettrici…  per fortuna nessuno si è fatto male.  Quando abbiamo cominciato a cantare mi sono sentito tranquillo.  All’ultima canzone, che era Coumbayà, ci siamo divertiti tantissimo  a saltellare di qua e  di là,  sopra di me c’era mio fratello che ballava con noi.    Ibrahima Ngom

 

Io all’inizio provavo timore che qualcosa andasse storto, ma quando ero sui gradoni del  Rastttl per non  far vedere che  ero preoccupato ho pensato che era una prova e  così  mi  sono calmato.  Quando ero calmo non ho pensato a salutare i parenti ma mi sono concentrato sulla musica. Verso metà Concerto ho provato felicità perché stava andando tutto bene, ho  guardato Pozzetto e  ho sentito che andavo molto bene ed ero orgoglioso di me.  Alla fine mi è piaciuto quando abbiamo cantato l’ultima canzone  in mezzo al pubblico.    Alessandro Omiccioli

 

Ieri al Concerto per il nostro preside  Athos Salucci , all’inizio ho provato un po’ di paura se qualcuno  inciampava camminando  sugli scalini del Rastatt, poi quando abbiamo iniziato a cantare avevo l’ansia di  non pronunciare le parole giuste…ma non  ho sbagliato niente  e alla fine ero felice perché eravamo stati bravissimi.    Liia Raducan

 

Prima di  entrare al Rastatt ho provato tanta tensione perché i bambini già facevano chiasso. Poi sono entrata e sentivo ansia nel vedere tutto quel pubblico e per la paura di sbagliare i brani da cantare. Quando abbiamo iniziato a cantare mi sono rilassata, ma ero ancor più felice quando il pubblico applaudiva dopo ogni canzone che cantavamo. All’inizio pensavo di fare una brutta figura, ma poi dalle facce del pubblico mi sembrava che eravamo stati bravissimi.   Kimberly Renzetti

 

Ieri sera prima di salire sul palco mi sentivo in ansia, perché pensavo che non andava tutto  bene durante il Concerto.  Quando sono entrato al Rastatt  e ho visto che c’era molta gente mi  sentivo ancora più in ansia…ma quando ho iniziato a cantare mi  sono tranquillizzato.    Luca Rovinelli

 

Ieri sera ho provato: TRISTEZZA, GIOIA E ANSIA.  Prima di cominciare il Concerto cercavo di tranquillizzarmi pensando che era soltanto un sogno, ma non ci sono riuscita.  Appena siamo saliti sugli scalini mi stavo per paralizzare dall’ansia e mi  venne il panico da palcoscenico  che mi  durò fino a metà concerto, poi mi calmai un pochino, appena finito il Concerto tutti ci riempirono di complimenti così  mi tranquillizzai e diventai felice e gioiosa.     Isabel Setaro

 

Ieri sera al Concerto quando  ho visto che le classi quinte stavano  entrando al Rastatt per   sistemarsi sui gradoni ho capito che dopo  poco toccava a noi di terza, avevo paura di non ricordare bene le canzoni, di non andare a tempo, e anche  che c’era un po’ di chiasso tra una canzone e l’altra; ero ansiosa, gioiosa e molto emozionata, MA quando abbiamo iniziato a cantare mi sono tranquillizzata.   Greta Tonucci

 

All’inizio avevo un po’ di agitazione perché non volevo fare brutta figura davanti a tutti, ma quando ho iniziato a cantare ho immaginato che ero sulle nuvole con il nostro preside Athos Salucci       e ho provato speranza e coraggio. È per questo che mi sono impegnata a cantare e mi sono divertita  moltissimo.  Un bacione a tutte le maestre!    Clementina Vincenzi

 

Ieri sera prima del Concerto pensavo che andava tutto male, ma quando ho cominciato a cantare mi sono tranquillizzata e ho continuato a cantare.   Beatrice Vitali

 

Ieri sera  mentre cantavo ero in  ansia perché avevo paura che i bambini avrebbero fatto qualcosa di sbagliato. Mi  facevano male le gambe ed ero sempre più agitato, ma non dovevo sedermi e allora ho resistito. Dopo il  direttore  del coro ci ha detto di sederci e ho provato pace e serenità.                      Mehdi Warid

 

Prima del Concerto avevo un po’ di ansia (quando ho l’ansia mi inizia un formicolìo alle mani) perché pensavo che i bambini di  prima  facevano “casino” fra una canzone e l’altra.  Poi, quando sono  arrivato alla mia postazione sui  gradini del Rastatt, ho pensato allo “storico” risultato di 3-0 della Roma contro il Barcellona, soprattutto all’ultimo gol di Manolo  di testa…  e alla fine del Concerto ero distrutto!!!      Lorenzo Zonghetti

 

20190704_171811

IMG-20190705-WA0005               IMG-20190705-WA0003

IMG-20190705-WA0007              IMG-20190705-WA0006

   IMG-20190705-WA0004          IMG-20190705-WA0008

                    IMG-20190705-WA0009                 IMG-20190705-WA0010

                      IMG-20190706-WA0006               IMG-20190705-WA0013

                     IMG-20190705-WA0012               IMG-20190706-WA0000

                      IMG-20190706-WA0001               IMG-20190706-WA0002

                IMG-20190706-WA0003                IMG-20190706-WA0004

           IMG-20190706-WA0005                IMG-20190705-WA0011

                        IMG-20190706-WA0007             IMG-20190706-WA0008

                 IMG-20190706-WA0011            IMG-20190706-WA0009

                      IMG-20190706-WA0010               IMG-20190706-WA0012

2

 

 

Gospel

 

Anche quest’anno il Potenziamento musicale ha fatto furore: quasi 200 bambini, assieme al “Fano Gospel Choir”, si sono esibiti all’Anfiteatro Rastatt in un vero e proprio concerto, con tanto di band dal vivo, sotto la guida dell’incontenibile Alessandro Pozzetto, Direttore dell’Accademia Gospel Italiana.

IMG_20190604_205951

 

I brani in programma alternavano momenti di gioiosa ritmica ad altri di intensa “elevazione spirituale”, i quali ben si intonavano alla figura del Preside e Musicista Athos Salucci, alla cui memoria lo spettacolo è stato dedicato.

 

IMG_20190604_184035

IMG_20190604_184046

IMG_20190604_183943

IMG_20190604_183710

 

Il percorso preparatorio è stato curato da Laura Rocchegiani e Giorgio Caselli, cui va un caloroso ringraziamento.

Ecco alcuni “scatti” presi durante le prove in giardino.

 

IMG_20190604_110816 IMG_20190604_105214 IMG_20190604_103905 IMG_20190604_104044 IMG_20190604_103958 IMG_20190604_104014 IMG_20190604_104309 IMG_20190604_104318

OL2

Copia

 

 

  • Anche quest’anno l’Istituto Comprensivo “A. Gandiglio” ha aderito al progetto nazionale

    “# IO LEGGO PERCHÉ”,

    un’iniziativa di AIE (Associazione Italiana Editori), patrocinata dal MIUR, con lo scopo di incrementare il patrimonio librario delle Biblioteche scolastiche.

 

Il 26 ottobre 2018 le classi seconde hanno avuto la soddisfazione di mettere piede, per prime,

alla “Libreria Mondadori” di Corso Matteotti, appena rinnovata, dove c’era ad attenderle la

gentilissima titolare, Sig.ra Pascucci.

 

20181026_091239 20181026_091730IMG-20181110-WA001320181026_100715

IMG-20181110-WA0011

20181108_105131

 

Nel mese di dicembre è stata la volta della Mediateca Montanari, dove i libri si possono prendere in prestito.

Sotto la guida della bibliotecaria Luigina, si è svolta un’avvincente “caccia al tesoro fra i libri”, che ha fruttato dei libri e qualche simpatico omaggio .

 

 

IMG_20181221_105439  IMG_20181221_120739

IMG_20181221_105413

 

 

PRONTI … ATTENTI …

SI LEGGE!

 

 

 

 

20190624_101109

Fra le attività di storia previste per le classi seconde in questo anno scolastico ce n’era una particolarmente stimolante: ricostruire le origini della propria storia personale, unica e irripetibile.

                          20181121_111024                    20181121_111152

Proprio per documentarsi e reperire fonti attendibili, i bambini si sono recati all’Ufficio Anagrafe del Comune, dove ognuno ha richiesto e ricevuto il proprio Certificato di Nascita che poi è stato inserito nel quaderno di Storia.

20181121_111917

   20181121_112728           20181121_112752

Non contenti, hanno poi raggiunto l’Ufficio di Stato Civile, un vero e proprio “deposito” di notizie. È stato come entrare in un luogo quasi magico, in cui “respirare il vero odore del passato”. Infatti, l’archivio, ricco di libroni contenenti informazioni su tutte le persone che vivono e hanno vissuto a Fano, rendeva l’ambiente suggestivo e ha catturato la curiosità e la voglia di sapere dei bambini.

20181121_113927                         20181121_114358

20181121_114135                          20181121_114125

 

20190329_15571520190329_160028

 

 

LABORATORI ARTISTICI …  IN COLLINA

Dalla stampa all’aquilonistica, fino alla realizzazione di manufatti in ceramica ….. immersi nella natura delle dolci colline del Montefeltro, abbiamo sperimentato e appreso le tecniche della creazione artistica nei vari laboratori.

20190329_113658  IMG-20190330-WA0084              20190329_104732

A conclusione di cinque anni trascorsi insieme, questa giornata presso l’agriturismo didattico ” Corte della Miniera” è stata indimenticabile: per l’ambiente confortevole e ospitale in cui abbiamo giocato  e anche  apprezzato i piatti tipici della tradizione gastronomica marchigiana!!

20190329_12494820190329_125029 Gli alunni delle classi VA e VB

Load More